FERRARA

Patrimonio dell’UNESCO e nota come Città delle biciclette.

Una cittadina a misura d’uomo dove convivono ben visibili le due anime che ne hanno formato la bellezza: una parte medievale che si sviluppa dal centro con la piazza, la cattedrale e il castello in un suggestivo dedalo di strette vie ciottolate e la parte rinascimentale che si spinge fino alle mura sud fatta di ampi viali a scacchiera e imponenti palazzi dallo stile classico, proprio come si vede nei dipinti di Giorgio de Chirico.

Da visitare: Palazzo dei Diamanti con le relative mostre, il Castello Estense approfittando dei suoi 9 km di lunghezza percorrere la cinta muraria arrivando a Palazzo Schifanoia dove il salone dei mesi rimane un interessante enigma simbolico per gli esperti di tutto il mondo.

Ferrara Terra e Acqua

COLLI EUGANEI E PADOVA

Nel mezzo della pianura, senza nessun collegamento alle catene montuose di Alpi o Prealpi, i colli euganei sono una formazione geologica antichissima e non sono altro che preistorici vulcani. Il terreno è dunque particolare per cui sono interessanti le produzioni vinicole e nelle località di Montegrotto e Abano vengono sfruttate le acque termali ricche di proprietà benefiche. Assolutamente imperdibili i vari paesini, l’ Abbazia di Praglia , l’ Anfiteatro Del Venda con i suoi spettacoli e da sfruttare le piste ciclabili che collegano tra loro i dolci pendii.
Anello Ciclabile dei Colli Euganei

A pochi chilometri si trova Padova con i suoi portici, le passeggiate in Prato della Valle, la cappella degli Scrovegni e piazza delle Erbe con il mercato settimanale e i numerosi locali.

BOLOGNA

La rossa, la grassa e la dotta, questo detto ne riassume lo spirito di città vivace sotto il profilo culturale, dall’arte alla musica, e della sua antica Università passando naturalmente per le tradizioni gastronomiche. Il centro con la Piazza Maggiore, Palazzo Re Enzo, le vie dello shopping come via Rizzoli e le due Torri mentre allontanandosi, quindi prendendo la salita dei colli, è possibile raggiungere il Santuario di San Luca da cui si gode di una splendida vista.

PARCO DEL DELTA DEL PO

Riserva UNESCO, la seconda più vasta area umida d’Europa è ricca di flora e fauna così come è ricca della storia delle persone che hanno abitato queste valli tra isolotti e vie d’acqua. Si divide tra la sua parte veneta e quella emiliano romagnola, la prima rimasta più selvaggia la seconda maggiormente dotata di servizi ricettivi. Interessante il Museo Delta Antico e le gite in bici, in barca o in canoa alla scoperta dei casoni dei pescatori.

Parco del Delta del Po

Suggestive le cittadine di Chioggia e Comacchio.

COLLI BERICI

Le rocce calcaree creano formazioni morfologiche particolari tra grotte e pareti verticali, la qualità del terreno influisce sulle caratteristiche vinicole del luogo ( Strada dei Vini dei Colli Berici ) ma ha anche dato la possibilità di costruire mirabili esempi di ville venete dalle forme riconoscibili grazie all’architetto e celebre esponente del Rinascimento italiano Andrea Palladio che ha creato un vero e proprio canone.

VENEZIA

Per eccellenza una delle città regine del turismo mondiale, un fascino romantico intramontabile accompagnato dalla vivacità della vita che si snoda tra calli e canali. Oltre ai grandi classici come le visite a San Marco, Rialto, le isole di Murano e Burano con il pregiato artigianato, sono da scoprire la Scala Contarini e l’isola della Giudecca.

Dal punto di vista culturale immancabile La Biennale di Venezia e un passaggio nella curiosa Libreria Acqua Alta.

RAVENNA

Un piccolo tesoro nascosto, più volte è stata capitale dell’Impero Romano d’Occidente a testimoniare anche l’importante posizione strategica. All’epoca bizantina risalgono i famosi mosaici come quelli presenti nella Basilica di San Vitale  e quelli di Sant’Apollinare .

A Ravenna, inoltre, sono custodite le spoglie del Sommo Poeta all’interno della cosiddetta “zona del silenzio” che si trova in pieno centro cittadino.

MANTOVA

Associata alla casata che l’ha resa celebre, i Gonzaga, Mantova si sviluppa sulle sponde del Mincio ed è testimonianza, con i suoi edifici e la sua struttura urbanistica, della fiorente età dei comuni. La dimensione ridotta permette di godere dei numerosi luoghi di interesse anche a piedi o in bicicletta, da non perdere il Palazzo Ducale, Palazzo Te e la Cattedrale di San Pietro.

A pochi chilometri una cittadina più unica che rara: Sabbioneta . Espressione architettonica di una visione filosofica di quella che sarebbe dovuta essere la città ideale, inserita dal 2008 nei patrimoni UNESCO.